26 aprile

giorno della mia nascita, questo è vero, ma anche giorno di avvenimenti storici di un certo spessore a mio avviso

Prima di tutti: disastro di Chernobyl, una di quelle catastrofi che rovinano la vita delle persone irrimediabilmente.
E’ avvenuto l’anno 1986 e da quel momento hanno iniziato a capire che forse il nucleare non era esattamente la risposta alle energie alternative. Non che chi lavorasse nella centrale fosse sano come un pesce, ma hanno atteso questo per riconoscerlo effettivamente(evito le foto dei bambini perché non è il caso, guardateli da soli se volete)

La nube tossica si è propagata per mezza europa, italia compresa, mia mamma ricorda che era sconsigliato uscire di casa se non era strettamente necessario, soprattutto alle donne incinta. Ancora oggi in quella zona nascono animali e bambini malformati, in alcune aree non si può ancora soggiornare e insomma, bel macello hanno fatto! qualche anno fa c’è stato un servizio in TV in quella zona dove sono andati a misurare la radioattività della terra, dopo trent’anni è ancora decisamente inquinata tutta l’area.

Come dimenticare qualcosa di più antico, ma che sentiamo sempre nelle lezioni di storia?
Chi non conosce la congiura dei Pazzi?
Siamo nel 1478, Lorenzo de Medici, detto il Magnifico, governa Firenze come i suoi predecessori. La famiglia dei Pazzi, nel tentativo di usurparne il potere, ordirono una congiura per assassinare Lorenzo e la sua famiglia. Giuliano dè Medici, il fratello del Magnifico perse la vita aggredito in chiesa, Lorenzo ferito, riuscì a sopravvivere.
La città, cosa che i Pazzi non immaginavano nemmeno, affiancarono i Medici contro i ribelli.
Non era il primo attentato contro la famiglia, quasi tutte le generazioni vennero coinvolte in attentati, ma questa fu la prima in cui un de Medici vide la morte.
Non solo, la ribellione diede la possibilità a Lorenzo di riunire nelle sue mani tutto il potere cittadino, subordinando al suo volere la repubblica.

La Congiura dei Pazzi

medaglia commemorativa della congiura dei Pazzi con Giuliano deceduto da un lato e Lorenzo dall’altro

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s