Il diavolo zoppo e il suo compare

Per chi ama la storia di Francia, consiglio vivamente di leggere questo libro di Alessandra Necci.

Il libro tratta delle figure di Talleyrand e Fouchè, rispettivamente ministro degli esteri e ministro della polizia. Il libro parte dagli anni di regno di Luigi XVI fino ad arrivare alla Restaurazione, passando per il Direttorio e l’impero di Napoleone, dove questi due uomini sono stati maggiormente attivi.

Talleyrand era un nobile, di una gloriosa famiglia dell’ancien regime. Figlio di un’importante famiglia, viene messo a balia alla nascita. Al tempo non c’erano le cure di oggi e la vita di questi bambini lontano dalle famiglie era alquanto infelice e trascurata. Oltretutto Talleyrand viene letteralmente dimenticato dai genitori e a quattro anni è ancora da questa donna che non ha né tempo né voglia di stare attenta a questo bambino troppo grande. La sua disattenzione farà si che il bambino giocando, si faccia male a tal punto al piede destro, da portare i segni dell’incidente tutta la vita.
Al tempo non c’erano fisioterapia o operazioni che potessero rimediare al danno, l’unica “cura” conosciuta era la protesi, un’armatura vera e propria che doveva essere scomoda all’inverosimile

Talleyrandprothesis0002

Come ormai sappiamo bene, noi uomini e donne del XXI secolo, i primi anni della vita di un bambino sono fondamentali per la formazione del suo carattere e in previsione di chi sarà da adulto, immaginatevi quindi Talleyrand, ignorato dai genitori per tutta la vita, anche se primogenito, scalzato dal suo ruolo a causa della malformazione e costretto a prendere i voti…come poteva diventare quella che noi definiremmo una “brava persona”?

Charles_Maurice_de_Talleyrand-Perigond

Talleyrand visse la sua vita sempre e solo per se stesso, facendo tutto con il fine ultimo di sopravvivere e diventare sempre più importante. Ovviamente nulla avrebbe potuto fare se la sua intelligenza fosse stata mediocre, se i suoi intrighi non fossero stati pensati e messi in pratica con cura, se la sua conoscenza in fatto di politica e la sua bravura a capire le persone non fosse stata totale.

E Fouchè?

Fouché_Joseph_Duke_of_Otranto

Fouchè non era un nobile, era figlio di mercanti che la Rivoluzione innalzò socialmente. Viene ricordato per la sua politica anticlericale e come “il mitragliatore di Lione”, per la repressione che attuò dopo il sollevamento della città. Ministro della polizia sotto Napoleone, Fouchè viene ricordato per essersi comportato come una banderuola per tutta la sua vita, guardando attentamente dove stava girando il vento per finire sempre tra i vincitori.
Se Talleyrand era colui che complottava e creava i presupposti per il cambiamento, Fouchè annusava l’aria, si rendeva conto che qualcosa stava mutando e si spostava lentamente dalla parte che stava per salire verso il gradino più alto, abbandonando la nave che stava affondando.
Napoleone lo temeva, come capo della polizia aveva le mani in pasta ovunque, tra spie e amici, sapeva sempre tutto di tutti e l’imperatore, che non era uno stupido, sapeva bene che il suo ministro ne sapeva una più del diavolo. Quando lo licenziò, si vide costretto a rincorrerlo per tutta Europa per riavere indietro corte compromettenti sulla sua famiglia che gli avrebbero reso la vita un inferno.

Non furono uomini esemplari Talleyrand e Fouchè, ma furono uomini geniali come pochi ne sono nati.

Alessandra Necci ha scritto un testo esemplare, che tratta di quei burrascosi anni con gli occhi di chi ha realmente tirato le fila di tutto, e non di chi lo ha subito.

Se amate il periodo e volete immergervi negli intrighi e nei tradimenti questo libro fa per voi, io l’ho trovato illuminante e scritto veramente bene, 600 pagine da leggere tutte d’un fiato!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s