Malta tra sole, mare e storia…ma anche lavoro

Sono ufficialmente 4 mesi che sono venuta a vivere a Malta ed essendo passate alcune settimane, mi sento nella condizione di potervi parlare di questo paese nel suo lato più positivo(per i lati negativi c’è tempo).

Malta è un’isola che merita molto per il suo mare che, in alcune zone, è cristallino e limpidissimo. A differenza dell’Italia non ci sono le spiagge come le intendiamo noi(sempre che non andiate a Mellieha) infatti qui il mare è già molto alto sin nei pressi della riva. Nella zona dove vivo io(Sliema) addirittura ci sono gli scogli piatti, le scalette per scendere a mare e già non si tocca. Mellieha invece devi andare molto al largo per arrivare a non toccare, per questo assomiglia alle nostre comuni spiagge. Il mare, essendo Malta un’isola in mezzo al nulla, non è proprio caldo, ma la nota positiva è che con il caldo infernale che fa è una goduria senza precedenti, ci sono stati giorni che non siamo mai usciti dall’acqua. Nota importante: il mare è salatissimo, quando si esce dall’acqua e il sole ti asciuga, ti rimangono tutti i cristalli di sale sulla pelle(fastidiosissimo).

questa e’ Comino, uno spettacolo!

Ramla, la spiaggia rossa di Gozo


Visto il mare stupendo, qui ci sono moltissimi sport acquatici e altrettante scuole. Se tutto va come deve andare, con grande probabilità ad ottobre farò il corso di sub(tutto per la mia successiva avventura: immersione con gli squali), Ma qui trovi ovunque la possibilità di fare cose meno dispendiose(tra virgolette) o impegnative come il noleggio delle moto d’acqua, il flyboarding, parasailing etc…vi assicuro, ce ne sono di ogni e ogni giorno se ne inventano una nuova!

Parliamo di…storia(ma va?!?!?). Malta ha una quantità di storia che è impressionante. Partendo dall’antichità, potete trovare siti neolitici datati 4000/6000 anni fa, antichi insediamenti di uomini che pare arrivassero dalla Sicilia(le ceramiche ritrovate erano molto simili al sito nei pressi di Siracusa). Non mancano i templi megalitici a Gozo, che sono datati 3500 anni fa(un paesaggio magnifico di Gozo è la scogliera a strapiombo sul mare).

1024px-Temple_de_Ggantija

La vicinanza con l’Italia, rese Malta una colonia per moltissimi popoli italiani e non. I Fenici la colonizzarono intorno all’anno 1000, si succedettero i Greci, Cartagine e i Romani(St Paul Bay viene chiamata così perchè pare che qui vi attraccò San Paolo durante il suo viaggio nel 60 d.C). Tra IV e IX secolo rimase sotto il dominio bizantino e nel 870 venne conquistata dagli arabi che vi rimasero fino al 1091(molto influenzata ancora adesso da questo dominio, soprattutto nella lingua, in cui si riscontrano tratti arabi, ma anche latini). Il paese, come lo possiamo vedere noi ora, con le sue fortificazioni e la sua architettura, è successivo al 1565, quando i Cavalieri Ospitalieri riuscirono a sconfiggere gli arabi che stavano cercando di conquistare l’isola. Per oltre due secoli si succedettero i lavori di fortificazione. Nel 1789 Napoleone la conquistò durante la traversata verso l’Egitto e rimase francese fino alla sua caduta, quando finì sotto il dominio britannico. All’inizio del novecento i maltesi fecero di tutto per entrare a far parte dell’Italia ma l’Inghilterra non aveva nessuna intenzione di perdere il suo dominio sul’isola. Durante il fascismo il sentimento filo-italiano venne combattuto in tutti i modi possibili. Durante la guerra, il ruolo che giocò Malta fu essenziale e fu insignita della croce di San Giorgio(presente nella loro bandiera), ma la tanto agognata libertà dagli inglesi l’ebbe solo nel 1964, ma dovette attendere fino al 1974 per diventare repubblica.

Insomma, Malta da visitare è bellissima e merita assai, ma se venite qui per visitare, non venite nei mesi di caldo e di affluenza di turisti da spiaggia, vi ritrovereste altrimenti imbottigliati nel traffico se avete la vostra macchina o obbligati a viaggiare in autobus stipati come in un carro bestiame, con autobus che non si fermano perchè troppo pieni e biglietti che costano 2 euro ogni due ore. Si un incubo, ditelo forte.

Per noi italiani Malta può però essere anche un’ottima meta se volete fuggire alla disoccupazione che da noi dilaga. Qui a Malta infatti ci metti all’incirca tre giorni a trovare un lavoro e se sai un pò d’inglese sei in una botte di ferro, se poi conosci anche altre lingue…beh, nemmeno da dire no? Qui esistono poi i contratti temporanei e quelli indeterminati, niente di stravagante come abbiamo noi, nulla di complicato e incomprensibile: ti assumo in prova, mi piaci, ti assumo. Stop e anche amen.

Ora la nota dolente è la seguente: prima di tutto a volte capita, per i lavori stagionali, qualcuno che assume in nero; in secondo luogo non sempre gli stipendi sono adeguati alla vita maltese che per chi vive nel nord italia è più bassa, chi è del sud invece risulta più alta.

Ah, qui parecchia gente snocciola l’italiano, alcuni lo parlano così bene che fa impressione, se volete studiare qui l’inglese quindi non lo trovo molto vantaggioso per questo. Di scuole ce ne sono un sacco, ma non so quanto sia utile, ovviamente se vivete con dei maltesi(come sto facendo io) la cosa aiuta molto, ma viaggi studio organizzati con degli italiani è deleterio al massimo, piuttosto andate in Inghilterra, li si che si impara alla grande(evitando di andarci con italiani, ovviamente!)!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s