Guerra del Vietnam: l’Agent Orange

Ieri sera, navigando su facebook, mi sono imbattuta in foto raccapriccianti di bambini deformi. Nella foto era scritto “gli effetti dell’agent orange” in Vietnam. Quando si parla di Vietnam, che sia in televisione o su internet, solitamente si fa riferimento alla guerra del Vietnam e proprio di questo in effetti si tratta.
La guerra in questione è mal studiata e mal approfondita a scuola, se ne parla relativamente e male il più delle volte, se lo studente non si interessa in prima persona l’unica cosa che gli insegnano è: L’America ha vinto, ha fatto cose orribili ma a sua volta ha avuto molte perdite. Grazie tante!
La guerra porta sempre un sacco di perdite, se no sarebbe un meeting tra nemici! Ma il punto è sempre il solito: hanno avuto tante perdite, ma quante ne hanno causate e come?
Tralasciando il problema di come la scuola ci forma sugli avvenimenti storici, volevo focalizzare l’attenzione su questo prodotto: l’agent orange.
Mi sono documentata su internet e per prima cosa ho scoperto che questo prodotto è un defoliante, o per meglio dire, un prodotto che fa perdere le foglie alle piante. Venne utilizzato nel Vietnam del sud proprio per togliere la possibilità ai Viet Cong di nascondersi .
E’ un prodotto incolore, ma venne chiamato così per il colore arancione che lasciava sui fusti durante il trasporto.
Il prodotto, altamente cancerogeno, iniziò ad intaccare la catena alimentare, passando all’uomo che iniziò ad essere soggetto a malattie molto gravi. Si iniziarono ad ammalare i nativi, come gli americani. L’agent Orange però non si fermò qui: iniziarono anche a nascere bambini deformi, senza parti del corpo, senza occhi, con teste enormi…molti dei quali morivano piccolissimi, anche alla nascita.
Negli anni i veterani americani hanno ricevuto i risarcimenti dovuti per le malattie che l’Agent Orange ha causato loro, ma i vietnamiti a loro volta, dopo aver intentato cause per malattie e deformità infantili, videro respingere le accuse. Ancora adesso l’America nega la relazione con le malformazioni.
Una vittoria recente l’ebbero però alcuni veterani vietnamiti: la Monsanto, produttrice negli anni della guerra dell’Agent Orange, dovrà rimborsare le loro cure mediche.
Una piccola vittoria in un mare di ingiustizie, questo è indubbio, ma forse questo è il primo piccolo passo perchè l’America riconosca gli innumerevoli errori e le terribili giustizie perpetrate.

Advertisements

2 thoughts on “Guerra del Vietnam: l’Agent Orange

  1. Injustices perpetrated by America! What of the carnage attributed to habitat that inflicted deaths to US military personnel? Defoliation was a priority, though the chemical agents were known to be severely toxic. Not America. It was Lydon B. Johnson’s Gulf of Tonkin Resolution, to profit corporations, who is responsible. Further, the war, stole from me, personally, at time in my life that I should have been living as normal teenagers live, and not subjected to numerous horrors experienced and witnessed. That innocence, can never be repaid nor can the calandar be reversed to return me to my youth. Not America. Corruption of elected officials and corporations profiteering. Politicians cry “war”, and always, others, bleed. Corporations simply use penalties as a tax write-off, and raise prices a bit, to offset their losses, which together give corporations a bigger profit margin. Questionable, is the issue of the Viet Mihn, going rogue to communism but, I suspect that the CIA, already knew it, before Ho Chi Mihn was backed, as too were, Manuel Noriega, Osama Bin Laden, Mao Tse Tung, Fidel Castro, and a host of others. Jackals, all, with the ringmaster being the CIA, which has questionable loyalties. Not America.

    Like

  2. Pingback: Guerra del Vietnam: l’Agent Orange | Brittius

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s