22 agosto, cosa accadde?

Chi non conosce la guerra delle due rose, la sanguinosa guerra civile che sconvolse l’Inghilterra dal 1455 al 1485? Tutti almeno una volta ne hanno sentito parlare, soprattutto perchè la sua conclusione mise sul trono la famiglia Tudor(chi non conosce la storia di almeno una delle sei mogli di Enrico VIII?). E la sua conclusione si ebbe proprio il 22 agosto 1485 con la battaglia di Bosworth Field.

Enrico(VII) Tudor si presentò in battaglia con nemmeno la metà dei guerrieri che aveva Riccardo III al suo comando e solo grazie a voltagabbana e traditori riuscì a vincere. Riccardo III infatti era andato in battaglia affiancato da Henry Percy, conte di Northumberland, la sua retroguardia, e i fratelli Stanley. Il primo non intervenne in battaglia, il secondo appena vide il sovrano in difficoltà decise di scendere in battaglia al fianco di Enrico.

Una vittoria alquanto fortunata per il nostro caro Tudor, ma che portò la pace tanto agognata da tutti i sudditi.

Su questa guerra lunghissima, la scrittrice inglese Philippa Gregory ha scritto numerosi libri. Chi ama i romanzi storici sono sicura li troverà molto interessanti e ben scritti. Se preferite però il periodo di Enrico VIII, la Gregory ha scritto un libro per ogni sua moglie, tutti veramente bellissimi!

In Francia più che una guerra civile per il trono, ci fu una trentennale guerra civile per motivi di religione. Tra il 1562 al 1593, ben otto furono le guerre tra Ugonotti e Cattolici e uno dei momenti di maggior tensione si ebbe nell’agosto 1572. Il matrimonio tra l’ugonotto Enrico III di Navarra(futuro Enrico IV) e la sorella del re, Margherita di Valois, era stato celebrato da 4 giorni quando il 22 agosto, Gaspard de Chatillon, comandante dei militari ugonotti, subì un’attentato. Fu la scintilla che fece scoppiare l’incendio noto a tutti come strage di San Bartolomeo. I maggiori esponenti della fazione protestante erano a Parigi per il matrimonio del loro sovrano, Carlo IX prese al volo l’occasione e ordinò la loro morte. Come accade sempre in questi casi, la situazione gli scappò di mano e a nulla valse il suo tentativo di fermare il massacro, ordinando la fine dei massacri il 24 agosto. Per settimane si susseguirono stragi e omicidi e quando la calma tornò in Francia, si poterono stimare quasi 30mila omicidi.

Qualche notizia interessante:

  • il matrimonio tra Margherita di Valois ed Enrico III viene ricordato come le “nozze vermiglie”
  • Enrico III per poter diventare re si convertì al cattolicesimo, pronunciando, pare, la famosa frase “Parigi val bene un messa”
  • di recente è stata trovato il cranio di Enrico III mummificato, sono stati eseguiti molti test e pare proprio che sia autentico
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s